Visitatori "Fedeli"

mercoledì 1 ottobre 2014

Approfondimento: alcune proposte gioco "Montessoriane" per l'infanzia

Dopo un periodo di lunga assenza causa lavoro, voglio soffermarmi e approfondire alcune proposte gioco che sono state pensate da Maria Montessori per l'infanzia.
Vediamole insieme:


  • La Torre Rosa

La torre rosa è composta da una serie di dieci cubi in legno decrescenti con diverso peso e con lo spigolo che diminuisce gradualmente di cm1. Il cubo più piccolo ha lo spigolo di cm1, il più grande ha lo spigolo di cm10. Ecco perchè è importante che i cubi siano in legno e non in cartone: proprio perchè dietro ci sono finalità pedagogiche molto importanti!

Maria Montessori aveva esposto la sua idea in relazione all’uso della torre (che almeno inizialmente non era rosa, ma di legno non colorato), che prevedeva la costruzione simmetrica, utilizzando i dieci blocchi in sequenza. Ma aveva anche previsto che i bambini avrebbero provato grande gioia nel buttar giù la torre con una bella spinta al termine del lavoro. Secondo la Montessori, il grande contrasto tra attento lavoro di costruzione e successiva distruzione fosse perfetta per questa fascia d’età ( M. Montessori consiglia la fascia dei 36 mesi).

La torre rosa, appartenente all'ordine dei materiali sensoriali, ha come finalità diretta la coordinazione oculo-manuale, l'educazione del senso visivo alle grandezze ed alle proporzioni fra le dimensioni, il  riconoscimento e la denominazione degli opposti , la conoscenza dei diversi pesi. Mentre come finalità "implicite" ha il rafforzamento della memoria muscolare, la preparazione ad una memoria futura di tipo matematico-logico e ad una di scrittura.

  • Incastri Solidi o Cilindri con pomoli
Gli incastri solidi sono formati da un sostegno massiccio di legno, dentro la quale sono inseriti ad incastro una fila di dieci cilindretti muniti di un pomolo per la presa del bambino. Tali incastri fanno parte del materiale sensoriale montessoriano e possono essere proposti al bambino a partire dai 30 mesi. I cilindri possono variare di altezza e diametro in maniera crescente o decrescente o direttamente proporzionale. Il bambino inizialmente osserverà e si approccerà al gioco attraverso tentativi ed errori, dove lo stesso controllo dell’errore avverrà spontaneamente e progressivamente attraverso l’attività di gioco, e non attraverso le indicazioni o osservazioni dell’adulto. << Il desiderio del bambino di raggiungere un fine che conosce lo induce a correggersi>> .

  • Cilindri Colorati
I cilindri colorati sono formati da quattro scatole di cilindri, ognuna delle quali ne contiene dieci dello stesso colore (10 blu, 10 rossi, 10 gialli, 10 rossi, 10 verdi) variando però altezza, larghezza in maniera direttamente proporzionale, crescente, decrescente e inversamente proporzionale. E’ possibile offrire al bambino questo gioco sensoriale a partire dai 36 mesi +, potendo scegliere anche solamente un colore.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...